Gazzettino | 21/07/2018

Un grande murales colora una parte del Municipio

Le mura di Cittadella, ma anche alcuni tra i principali palazzi, il camminamento di ronda, il Duomo con il campanile, le piazze ed altri particolari, interpretati e rappresentati artisticamente con riferimento alla corrente del Futurismo. E non a caso si intitola Cittadella futurista il coloratissimo murales di una trentina di metri quadrati (acrilico su pannelli speciali), realizzato in dieci giorni lavorando dalle 8 del mattino alle 5 del pomeriggio, dagli studenti del liceo artistico Michele Fanoli di Cittadella. Sono: Besnik Lush Taku, Alessia Donateo, Rebecca Rizzo e Rebecca Zen. L’opera si trova al piano terra dell’androne d’ingresso del municipio e si può ammirare anche dall’esterno, dal teatro all’aperto di Campo della Marta, essendoci la parete in vetro e acciaio. Ieri mattina il taglio del nastro alla presenza oltre che degli studenti realizzatori, del sindaco Luca Pierobon, del vice Marco Simioni, dell’assessore al sociale Marina Beltrame, del consigliere Ugo Griggio, del dirigente del Fanoli Roberta Turetta, della vice dirigente Chiara Merlo e del professore Graziello Pellizzon responsabile del progetto. Progetto inserito nel percorso alternanza scuola – lavoro e che ha visto una prima fase ideativa e realizzativa dei bozzetti da parte di ogni studente. La giunta municipale ne ha scelti due (Donateo e Zen) che gli studenti artisti hanno poi unito in uno unico. “Ringrazio per il grande lavoro e l’ottimo risultato – ha detto il sindaco -. Continua l’importante collaborazione con l’Istituto Fanoli, che pochi mesi fa ha realizzato il bozzetto per la scultura collocata nel giardino degli Angeli”. “Soddisfatto del lavoro – ha detto Turetta -. è una prova di come se c’è volontà di collaborazione tra scuola e istituzioni, i risultati si ottengono”. “Abbiamo rappresentato gli spazi principali di Cittadella – hanno spiegato gli autori – con colori vivaci ed in modo da dare grande profondità all’opera”.

I commenti sono chiusi.