Gazzettino | 01/04/2017

Un comitato per gli 800 anni

(M.C.) Nel 2020 Cittadella taglierà un traguardo storico, quello degli 800 anni dalla costruzione delle mura e quindi della sua fondazione avvenuta nel 1220. Una data certa, pur essendoci stato già un insediamento. Ma la storia si fa con i documenti e non con le supposizioni. A questo appuntamento che ad oggi può sembrare lontano, ma che di fatto è “dietro l’angolo”, si sta preparando l’amministrazione comunale di Cittadella. Nei giorni scorsi la giunta municipale guidata dal primo cittadino Luca Pierobon ha indicato i principi e le linee guida per le iniziative dell’800° anniversario al comitato informale che è stato costituito per celebrare al meglio gli otto secoli della città murata. Tra gli elementi indicati, la realizzazione e la disponibilità di un brand che individui le iniziative per il genetliaco nel corso degli anni e che possa essere utilizzato sia sotto il profilo tecnico che economico e per la comunicazione. Le iniziative per l’anniversario dovranno essere a tema, coinvolgenti e attuabili almeno fino alla data che verrà prescelta (non è ancora stata fissata) e divenire momento di aggregazione del territorio. Dovranno essere sviluppati ed approfonditi, nel limite del possibile, eventi storici e figure storiche del passato, dalla fondazione a tutto il ‘900 e prima dell’inizio di ogni anno dovrà essere predisposto il programma delle iniziative con i costi e l’indicazione di possibili fonti di finanziamento. Inoltre, sempre le linee guida, indicano che dovrà essere valutato e programmato un segno tangibile a ricordo del 2020. Potrebbe essere ad esempio un monumento. Di fatto il comitato sta già lavorando per proporre innanzitutto un’iniziativa per l’individuazione del brand e una medaglia commemorativa degli eventi, che potranno essere utilizzati sia per caratterizzare gli stessi, sia a scopo commerciale. La giunta ha stanziato per ora per queste finalità, 5 mila euro. Certamente l’attesa dell’ottocentesimo compleanno di Cittadella è tanta. Non sono esclusi anche suggerimenti di cittadini come pure il coinvolgimento del tessuto culturale cittadino, in primis le scuole.

I commenti sono chiusi.