Gazzettino | 5/12/2013

Turismo, formula anti-crisi

Cittadella: in aumento i visitatori delle mura, nell’arco del 2013 a quota 35 mila

L’Italia è depositaria del 70% delle opere d’arte mondiali e purtroppo molto spesso non le valorizza. Potrebbe diventare una risorsa economica. Un esempio positivo in questo senso è rappresentato dal recupero delle mura della città murata completata nel giugno scorso. L’Amministrazione comunale ha incominciato fin dal primo restauro a valorizzarle arrivando a stipulare, il 1 marzo scorso, un accordo di gestione pubblico-privato, con l’associazione Historia Tourism che gestisce l’ufficio Informazione ed accoglienza turistica. Il processo avviato dimostra che la decisione è stata lungimirante considerati anche i tagli sempre maggiori di risorse statali alla promozione dei beni locali. Balza all’occhio un dato: gli ingressi nel 2012 sono stati 22,675 e nel 2013, fino a ieri, 35 mila (+54%). Ma la valorizzazione di un bene e del territorio circostante si fa con la promozione. Bit di Milano, Padovaweekend a Padova, Ttg di Rimini, Buy Veneto e Buy Veneto Brasil, gli appuntamenti fieristici che hanno visto protagonista la città d’arte. Poi due educational su Cittadella con addetti al settore. Importantissimo il web. Il sito turistico è tradotto anche in russo e l’unico ad avere un così elevato numero di traduzioni straniere, ed a breve si aggiungerà anche il cinese. La pagina di Facebook Iat Cittadella è aggiornata quotidianamente, sono stati creati eventi come il tramonto in musica sulle mura e la collettiva dei giovani artisti. Nuovi pacchetti turistici che, oltre alle mura, portano a visitare le tre ville del territorio, e poi vare convenzioni con i ristoratori cittadellesi, con i servizi turistici del Brenta con il noleggio delle biciclette in collaborazione con Galetti, la luxury experience, ossia il camminamento notturno prenotato di notte per un gruppo vip, il family day ampliato ad ogni prima domenica del mese e i laboratori medievali esclusivamente dedicati agli adulti ogni primo sabato del mese e numerose offerte per le scuole. Ampliato il numero di stagisti e di convenzioni con l’università perchè chi studia turismo allo Iat c’è spazio per imparare. Dai 5 del 2012 ai 20 del 2013.

 

I commenti sono chiusi.