Gazzettino | 19/04/2018

Turismo da record, cento russi in visita alle mura

Un bene architettonico non solo da osservare, ma anche da vivere. Questo il concetto, nell’ambito del cosiddetto turismo esperienziale, che sta alla base della nuova tipologia di visita al camminamento di ronda delle mura di Cittadella, che si realizzerà per la prima volta oggi. Dopo un grande lavoro di pianificazione e promozione da parte dell’ufficio Informazioni ed accoglienza turistica (Iat) della città murata, oggi prenderà il via definitivamente. Ci sarà infatti la visita di un centinaio di cittadini provenienti dalla Russia, che saranno i protagonisti del nuovo format. Oltre alla visita guidata in lingua russa coordinata dallo Iat e la distribuzione del dèpliant d’accoglienza “Camminare nella storia”, sempre in lingua russa, sopra le mura ad attendere i visitatori, ci sarà una ventina di rievocatori. Saranno vestiti da nobili e popolani, intratterranno i turisti per le fotografie e accompagneranno il numeroso gruppo per tutto il perimetro del camminamento facendoli sentire ancor più nel medioevo. Al termine si terrà una degustazione di prodotti tipici veneti in un ristorante del centro storico. “Una modalità di proporre le mura non solo come museo all’aperto, ma anche come location di spettacoli medievali su prenotazione per gruppi di budget medio-alto – spiega Elena Bonaldo responsabile dello Iat – Questo lavoro di promozione e commercializzazione del luogo, non solo come museo da osservare ma anche come “museo da vivere”, è reso possibile grazie alla costruzione di particolari pacchetti medievali che non prevedono solo il ticket d’ingresso. In più, su richiesta, si possono avere veri e propri intrattenimenti sulle mura. Le fiere di settore a cui si è partecipato da anni cominciano a dare i loro frutti”. Il camminamento rimane ovviamente aperto per le ordinarie visite. La nuova iniziativa dello Iat, una specie di “camminamento vivente”, arricchisce il già notevole pacchetto di attività che si possono svolgere oltre al percorso in quota, come ad esempio i vari laboratori per studenti, bambini e famiglie o il noleggio delle barche a motore o elettrico per navigare sul fossato esterno alla cinta fortificata, ed è resa possibile grazie alla collaborazione con l’associazione storico-culturale cittadellese L’Arme, le Dame, i Cavalieri ed il locale Herb.

I commenti sono chiusi.