Gazzettino | 09/11/2017

Nuovi negozi: come cambia il volto del centro

Il Comune da’ la disponibilità affinchè l’offerta per gli utenti sia molto ampiaIl centro di Cittadella è una sorta di centro commerciale a cielo aperto. La crisi ha colpito certamente anche la città murata, che rimane però sempre molto appetibile tra gli operatori. Come confermano le modifiche delle gestioni e l’apertura di nuove attività registrate nelle scorse settimane. A confermarlo è Filippo De Rossi, assessore comunale a Commercio. “A Cittadella – osserva – si va in controtendenza rispetto ad altre realtà: qui si registrano importanti investimenti che vedono cambi di gestione, nuove attività ed anche riqualificazione degli spazi”. Così di recente il centenario negozio di articoli regalo Cerri ha chiuso e al suo posto c’è una libreria per bambini; una carto-libreria è diventata un negozio specializzato per cani, J’adore my dog, e dove c’era il Mercury store abbigliamento è stato aperto il secondo Thun Caffè d’Italia. Il negozio di telefonia 3 è diventato un ampliamento dell’abbigliamento Be You. Sede più ampia sempre in centro la fioreria Eden, come pure per il bar Vox diventato Motueka, spostandosi nello spazio della pasticceria Daniza, che a sua volta si è trasferita in Borgo Bassano. Rinnovato il Caffè Garibaldi come pure il bar Bacio ora Osteria del Vicolo; lavori sono in corso al Caffè Milano e nell’ex bar nazionale dove aprirà un’altra attività. Cambio di gestione e rinnovo al Bonetta bistrot ora I Carraresi bistrot, nuova gestione al Caffè Malibù, mentre uno spazio chiuso da anni è diventato l’Hostaria Veneta. Ci sono anche delle serrande abbassate per i costi alti degli affitti. “La nostra disponibilità è massima affinchè l’offerta commerciale sia la più ampia”, conclude De Rossi.

I commenti sono chiusi.