Gazzettino | 5/01/2016

MURA, QUASI 70MILA VISITATORI

TURISMO Bilancio più che positivo delle presenze nel 2015: + 8 mila sul 2014

MURA, QUASI 70MILA VISITATORI
Azzeccata la scelta di privatizzare lo Iat e incrementare la promozione

Turismo sempre più risorsa. Ottomila presenze in più sulle mura nel 2015 rispetto al 2014. Che il turismo rappresenti una risorsa per il territorio è ormai risaputo. Ciò vale non solo per le mete mondiali, ma anche – se ben strutturato ed organizzato – nei piccoli centri che sanno recuperare, far fruire e promuovere le ricchezze artistico-architettoniche del territorio, creando poi un indotto non secondario. Esempio concreto è quello della città murata, grazie al bilancio tracciato con la fine dell’anno. Nel 2015 sul camminamento di ronda sono salite 68mila persone. L’incremento è di 8mila presenze, considerato che nel 2014 i visitatori sono stati 60mila. Nel 2013 erano invece 40mila. Insomma, le mura vengono fatte conoscere e portano sempre più turisti a Cittadella. L’11% di loro sono stranieri provenienti di fatto da tutto il mondo.
Un risultato che premia una scelta fatta dal Comune nella considerazione che le risorse nazionali, regionali e provinciali per la promozione turistica sarebbero state quasi azzeccate, com’è avvenuto. L’amministrazione comunale ha – prima nel Veneto – privatizzato l’Ufficio Informazioni ed Accoglienza turistica (sede nella Casa del Capitano in porta Bassano) gestito su convenzione da Historia Tourism. Con questa scelta si sono tolte le spese a carico del Comune. L’attività svolta non ha scopo di lucro perchè gli introiti derivati dal turismo vengono reinvestiti proprio nel turismo stesso. Grazie a questo ad esempio è stato attivato il servizio barche – da marzo ad ottobre – navigando sul fossato esterno alle mura. Sono stati incrementati i laboratori medievali per le scolaresche aggiungendo da settembre quello del mosaico e l’attività di orienteering urbano. Maggiore la presenza promozionale in eventi fieristici: si sono aggiunti Job Orienta e Turismo Rurale entrambi a Verona. Lo Iat ha inserito Cittadella nella guida Lonely Planet edizione Veneto in corso di stampa e nella nuovissima del Touring Club Italiano già disponibile. Continua la collaborazione con le ville del cittadellese per promuovere visite guidate nei parchi e nelle sale interne, dove possibile.
Quali le novità per il 2016? La riqualificazione della Torre di Malta dove verranno organizzate delle convention con esperti operatori del settore turismo ed agenti di viaggio, ai quali spiegare come vendere nelle agenzie il prodotto turistico Cittadella e dintorni, strutturandola come gita giornaliera con partenza da tutta l’Italia Settentrionale. Altro particolare: il sito www.visitcittadella.it, è tradotto in otto lingue tra le quali cinese, russo e portoghese. Massima l’attenzione ai social. Non secondario poi che nell’ufficio Iat lavorino venti liberi professionisti.

 

I commenti sono chiusi.