Gazzettino | 08/09/2016

Le mura a spasso sui taxi di Padova

Accordo per la sponsorizzazione sui mezzi. Inoltre tariffa fissa per una “puntata” da Padova.

Dieci dei cento taxi in servizio a Padova sponsorizzeranno le mura di Cittadella e il sito visitcittadella.it per un anno, attraverso le immagini delle mura medievali sulle fiancate. Pochi giorni fa alla presenza dell’Assessore del Turismo Filippo De Rossi e della responsabile dell’Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica Elena Bonaldo, la presentazione ufficiale. Dopo i camion con i teloni raffiguranti le mura e lo scorso anno i pullman in servizio  per i trasfer all’Expo di Milano, un nuovo veicolo promozionale sempre su quattro ruote per far conoscere la città murata e i territori limitrofi. Ma c’è di più. Grazie ad un particolare accordo con la società dei taxi  Padova, da Padova si potrà raggiungere in taxi Cittadella, fare un’ora e mezza di visita al camminamento di ronda e rientrare a Padova, sempre con il taxi, al costo fisso di 130 euro più il prezzo del biglietto. Necessaria la prenotazione all’Ufficio Iat che programmerà la visita in taxi, la memorizzazione dell’immagine con il sito e la visita sulle mura della città, trova fondamento nell’incremento della domanda turistica verso i piccoli borghi rurali, le piccole città d’arte e le mete insolite.
Cittadella non ha voluto perdere quest’occasione ed interpretando con anticipo le potenziali tendenze dei prossimi mesi, ha fatto in modo di strutturarsi per fornire una serie di servizi aggiuntivi, per attrarre nuove fasce di turisti.
“Questa è un’ulteriore tipologia di promozione della nostra città – sottolinea l’Assessore al Turismo Filippo De Rossi – investendo parte degli utili ricavati dai biglietti d’ingresso delle mura.
Un nuovo canale che permetterà di portare a Cittadella nuovi turisti creando ulteriori benefici per tutta la città. I numeri in continua crescita e le iniziative collegate alla vista del camminamento sono una positiva testimonianza. L’impegno dell’Amministrazione ovviamente non si ferma.”

 

I commenti sono chiusi.