Mattino | 29/03/2013

LA PRO LOCO ANNULLA LA PASQUETTA IN BRENTA

Il marzo più freddo degli ultimi 50 anni mette ko la Pasquetta in Brenta della Pro Loco di Santa Croce Bigolina. “A causa del maltempo, dopo 35 anni, siamo costretti a fermarci” : ad annunciarlo è il presidente della Pro Loco, Antonio Bonamin, che coordina un gruppo di una quarantina di volontari. “Lunedì sera all’ordine del giorno del consiglio della Pro Loco c’era anche l’organizzazione dei festeggiamenti della Pasquetta in Brenta, una tradizione consolidatasi negli anni. Di solito allestiamo un bancone gastronomico; di fianco, un’area dedicata alla musica e all’intrattenimento, con il dj”.
Vento, pioggia, addirittura neve. “Andare a portare tutta l’attrezzatura significherebbe, in questi giorni, con un terreno a pozzanghere, rovinare le strutture. Abbiamo quindi pensato, anche se a malincuore, di sospendere i festeggiamenti,almeno per quest’anno. Del resto le previsioni meteo lasciano poche speranze”. Forzare l’organizzazione dell’evento sarebbe rischioso anche da un punto di vista economico. “Tra incognite del maltempo e crisi economica rischiamo di avere un risultato davvero poco soddisfacente”, osserva Bonamin. “E rischiamo materialmente di non farcela, abbiamo bisogno di due – tre giorni di tempo bello per allestire tutto. Ovviamente il Brenta rimane a disposizione, gli spazi sono liberi per i picnic e i giri in bici. Ma mancherà il nostro stand. Abbiamo subito avvisato l’assessore comunale alle Frazioni Paolo Vallotto, comunicheremo la sospensione della festa nei tabelloni luminosi del centro storico”. Pasquetta chiusa per freddo, raddoppia la festa delle rane: “Solitamente ci organizzavamo nell’arco di quattro giorni, ma anche per recuperare questo stop, abbiamo deciso di prolungare”. Il via all’evento gastronomico il 14 giugno, si andrà avanti fino al 22 giugno.

I commenti sono chiusi.