Gazzettino | 7/01/2012

E gli studenti studiano i monumenti

Una ricerca per rilevazioni satellitari nella prevenzione di dissesti ambientali

(M.C.) Dopo aver monitorato le mura di Cittadella per rilevare gli spostamenti della cinta muraria durante l’anno scolastico 2010-11, quest’anno il programma di topografia degli studenti delle classi quarte del corso geometri dell’istituto Giacinto Girardi diretto da Laura Gioia, si concentrerà in un progetto collegato e parallelo. Rilevando le coordinate tridimensionali delle mura di Cittadella e quelle del monastero Olivetani a Teolo nei Colli Euganei, del XIII secolo, si vuole collegare topograficamente questi due monumenti per studiare gli spostamenti relativi delle coordinate tridimensionali ad una distanza di circa 35 chilometri in linea d’aria tra i due complessi architettonici. Questo progetto, inserito all’interno del programma didattico, intende sviluppare la conoscenza dell’”interferometria” satellitare. Dal 1991 sono in orbita satelliti, con sensori radar a bordo, che possono acquisire con regolarità informazioni sul nostro territorio. Le potenzialità legate alle misure radar satellitari, e la loro grande utilità nella prevenzione dei dissesti ambientali, stanno guadagnando una visibilità crescente per il monitoraggio continuo di aree a rischio di frane, cedimenti e terremoti, e non solo. Anche edifici, grandi opere, linee metropolitane, tracciati stradali possono essere sorvegliati dall’alto, con regolarità e precisione. Allo scopo di abilitare gli studenti all’uso di questo nuovo strumento, vengono svolte queste lezioni che uniscono teoria a pratica direttamente sul campo. Esempio concreto di didattica moderna e formazione all’avanguardia.

I commenti sono chiusi.