Gazzettino | 2/03/2014

CITTA’ MURATA, OPERAZIONE UNESCO

L’iter permette di “agganciarsi” a Verona, in un territorio storicamente omogeneo

Dalla giunta comunale parte la proposta di riconoscimento nel patrimonio dell’umanità

(MC)Parte da Cittadella la proposta di far conoscere le città murate del Veneto quale patrimonio dell’umanità protette dall’Unesco. La Giunta municipale guidata da Giuseppe Pan, anche presidente dell’Associazione città murate del Veneto, ha approvato lo schema di adesione che sarà presentato alla votazione del Consiglio comunale per l’approvazione definitiva, primo atto formale dell’iter necessario per l’inserimento nella lista Unesco. Lo stesso dovranno fare le altre municipalità, per il territorio padovano le città di Montagnana e Monselice. La normativa Unesco consente a siti già tutelati di estendere l’area di protezione ad aree non individuate originariamente ma che rivestono caratteristiche ed elementi di unicità affini e similari al sito originario. Al fine di evitare lì inserimento di siti ripetitivi, è possibile l’aggregazione di zone facenti parte di un territorio omogeneo, legate da un insieme di elementi che ne possano definire l’unicità, la valenza storico-culturale e meritevoli, secondo i parametri preordinati, di una tutela sovranazionale. Le città murate richiedenti sono in un territorio omogeneo, hanno elementi unici e sono legate dalla presenza storica della famiglia degli Scaligeri. Questo lega alla città di Verona che, essendo già inserita nel patrimonio Unesco grazie ad uno specifico accordo, andrà a richiedere l’inserimento delle città murate. Oltre alle padovane ci sono le trevigiane Castelfranco Veneto, Conegliano e Vittorio Veneto, le vicentine Bassano del Grappa e Marostica e le veronesi Soave, Lazise e Valeggio sul Mincio-Villafranca di Verona. L’accordo con la città di Verona approvato dal consiglio comunale cittadellese darà avvio al processo che dovrebbe avere una ricaduta economico-turistica rilevante data la pubblicizzazione mondiale del circuito, in attesa dell’Expo 2015 di Milano.
La cinta cittadellese potrebbe entrare presto a far parte del patrimonio Unesco: in consiglio comunale la proposta di riconoscimento.

I commenti sono chiusi.