Mattino | 23/04/2017

Archeologi alla scoperta delle gallerie sotto le mura

Cittadella arruola un “Indiana Jones” padovano per tracciare la mappa dei secolari cunicoli scavati dentro la cinta. Obiettivo: metterli in sicurezza e trasformarli in percorsi turistici.
Percorrere la Cittadella “sotterranea”, camminando lungo i cunicoli sotto le mura? L’amministrazione comunale prova a verificare la fattibilità tecnica, per arricchire l’offerta turistica. “Sarebbe una cosa unica, bellissima”, spiega il sindaco Luca Pierobon, “poter visitare Cittadella non solo dall’alto della cinta muraria, ma anche nei sotterranei”. Per questo è stato affidato uno studio all’archeologo padovano Massimiliano D’Ambra, che svolgerà il lavoro a fronte di un corrispettivo di quasi 6 mila euro. Il primo vero tunnel venne scoperto nell’ottobre di cinque anni fa, si tratta di una costruzione da Porta Treviso – si ipotizzò – alla Chiesa dei Frati. Una scoperta del tutto casuale: degli operai stavano eseguendo dei lavori ordinari, proprio sulle mura, improvvisamente il terreno cedette e sbucò questo percorso di sicurezza, usato con ogni probabilità nel medioevo per cercare di aggirare gli assedi e far arrivare provviste da fuori. Lo scorso anno una missione di esplorazione dei nuovi tracciati, con una decina di turisti, è stata seguita dal gruppo Cittadella Sotterranea – Amissi dei abissi; con loro speleologi arrivati da Padova, Treviso e Vicenza. L’obiettivo del comune è ora quello di “iniziare un percorso di indagine conoscitiva per accertare l’interesse archeologico e – nel caso fosse confermato – mettere in sicurezza i percorsi e renderli visitabili”. “I cunicoli”, aggiunge Pierobon, “si trovano in Borgo Treviso e pure in Borgo Bassano e in Borgo Padova, ma per ragioni di sicurezza sono percorribili solo dagli speleologi. Noi puntiamo ad uno sviluppo turistico di questa realtà, attendiamo i risultati dello studio”. D’Ambra, in particolare, procederà al rilievo della struttura architettonica e svolgerà una analisi dello scavo e della documentazione storica. “Puntiamo a camminare sopra e pure sotto le mura”, conclude il sindaco.

I commenti sono chiusi.