Gazzettino | 21/11/2013

“TREVISO-OSTIGLIA, OCCASIONE PERSA”

Recentemente pubblicato il secondo bando per l’affidamento della gestione e valorizzazione del percorso ciclopedonale ricavato sul vecchio tracciato della “Treviso-Ostiglia”, la ex linea ferroviaria militare che da Mantova arrivava fino al capoluogo della Marca. Il bando mette all’asta la concessione per la valorizzazione e utilizzazione, ai fini economici, della proprietà immobiliare della Provincia individuata dall’area occupata dalla ex ferrovia nel tratto insistente sul territorio  provinciale di Padova, dopo che il primo tentativo non ha avuto alcun esito.
L’intenzione è quella di assegnare a terzi il sedime della ciclopedonale (intera o a lotti), comprese le aree pertinenziali adiacenti, che attraversa l’intera provincia euganea interessando ben undici Comuni dell’alta padovana, per una lunghezza complessiva di circa 32 chilometri. Nel bando sono previste valorizzazioni delle proprietà immobiliari, mediante interventi di recupero edilizio delle ex stazioni e dei caselli, finalizzati allo svolgimento di attività economiche e di servizio per i cittadini, con particolare riguardo alla valorizzazione e promozione del territorio, attraverso una strategia turistica che ben si abbina con il paesaggio agricolo, il patrimonio artistico e la cultura locale. “La bontà del recupero dell’ex ferrovia è testimoniata dalle centinaia di persone che quotidianamente le frequentano – critica Giulio Centenaro, consigliere comunale di Santa Giustina in Colle – Tuttavia rimane il rammarico per lo scarso interesse alla gestione e valorizzazione, manifestato da parte dei Comuni dell’alta padovana. E un’occasione mancata, considerate le molteplici associazioni di volontariato e ambientaliste che sarebbero disposte a contribuire al mantenimento e la promozione di questa nostra “perla naturalistica”. Non sempre le questioni finanziarie, anche se reali, giustificano queste scelte e decisioni, specialmente quando riguardano delle eccellenze ambientali che valorizzano il nostro territorio, non solo dal punto di vista sociale e culturale ma anche economico”.

I commenti sono chiusi.